Usare il bicarbonato contro i disturbi dello stomaco

Come utilizzare il bicarbonato contro i disturbi di stomaco

Come utilizzare il bicarbonato contro i disturbi di stomacoI disturbi legati allo stomaco sono sempre più frequenti e possono avere origine da un alimentazione inadeguata o scorretta, dall’abuso di farmaci antinfiammatori o da situazioni di forte stress che si ripercuotono a livello somatico sul nostro apparato gastrointestinale. Quando i dolori si presentano in modo occasionale e in concomitanza di stravizi alimentari o di tensioni, non bisogna preoccuparsi troppo ma si può tranquillamente ricorrere all’uso del bicarbonato di sodio, contro i disturbi dello stomaco.

Il bicarbonato di sodio contro i disturbi dello stomaco

Il bicarbonato di sodio,(NaHCO3) noto come carbonato monosodico o carbonato acido di sodio è una sostanza naturale, facilmente reperibile in commercio, utilizzata da tempo come rimedio naturale in caso di acidità e di bruciore di stomaco connessi ad una cattiva digestione. L’acidità è una delle maggiori cause dei disturbi gastrointestinali, costituita da un’eccessiva produzione di liquidi che durante il giorno consentono di digerire cibi e assorbirne le sostanze, irritando o danneggiando la parete protettiva della mucosa gastrica.

Come agisce il bicarbonato di sodio contro i disturbi di stomaco? I malesseri sono principalmente associati all’abuso di sostanze eccitanti come il caffè, te, o all’abuso di alimenti zuccherini, grassi e proteici che favoriscono il processo di acidità, e il bicarbonato essendo una potente sostanza antiacida e alcalina è in grado di regolarizzare il pH dei liquidi nello stomaco, in modo tale da neutralizzare il loro corso corrosivo, contribuendo a proteggere la mucosa gastrica ed alleviare il dolore e il bruciore.

Un solo cucchiaino di bicarbonato può quindi risolvere, in breve tempo, fastidiosi e dolorosi disturbi gastrointestinali, seguendo dei piccoli accorgimenti: non cadere nell’errore di scioglierlo nell’acqua e di assumerlo a stomaco pieno, subito dopo il pasto più abbondante. Non va disciolto nell’acqua, come si fa abitualmente, dacché nello stomaco, a contatto con l’acido cloridico, provoca la formazione di anidride carbonica favorendo l’aerofagia.

E’ bene quindi avere l’abitudine di assumere il bicarbonato di sodio, contro i disturbi dello stomaco, una o due ore dopo i pasti, disciolto in un po’ di spremuta d’arancia o di limone, ottenendo così un buon antiacido (citrato di sodio) per migliorare la digestione senza, il rischio, di procurare gonfiori addominali.

L’uso del bicarbonato, comunque, non è esente da controindicazioni, per cui è importante assumerlo dietro controllo medico, specialmente se si fa uso di farmaci come aspirina o medicine analoghe, benzodiazepine, ferro, sulfamidici. I possibili effetti indesiderati che si possono incorrere nel consumo sono mal di testa, nausea, crampi e nei casi più gravi: ipertensione, presenza di sangue nell’urine, ritenzione idrica, nausea, debolezza e perdita d’appetito.

Add Comment

Required fields are marked *. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.