Rimedi naturali per eliminare la forfora

Rimedi naturali per eliminare la forfora

Come eliminare la forfora in modo semplice e naturale, con vecchi rimedi sempre validi che in alcuni casi diventano dei veri e propri trattamenti. Si tratta, in tutti i casi, dei classici rimedi delle nonne, antiche prescrizioni fai da te che, a quanto pare, anche a distanza di anni riscuotono ancora molto successo, per via delle componenti naturali e perché sono rimedi del tutto economici.

Bicarbonato di sodio

In casa tutti abbiamo il bicarbonato di sodio, un elemento dalle mille proprietà e molto utilizzato anche in cucina. Ottimo per eliminare la forfora, il bicarbonato rimuove dalla cute le cellule ormai morte e assorbe il sebo in eccesso che dà ai capelli quella fastidiosa sensazione di “unto”. Usatelo un paio di volte alla settimana, rigorosamente senza shampoo, e vedrete che i risultati saranno presto visibili.

Olio d’oliva

Chiariamo subito il primo dubbio che potrebbe sorgere quando si parla dell’olio d’oliva per combattere la forfora: si può utilizzare solo e soltanto nel caso in cui l’origine della forfora sia un’eccessiva secchezza della cute. Basta applicarlo ai capelli con un lieve massaggio, lasciare riposare per almeno mezz’ora e poi procedere con il normale lavaggio. In caso, contrario, quindi su un cuoio capelluto principalmente grasso, l’olio d’oliva non farebbe che peggiorare la situazione.

Succo di limone

Anche il limone è un prodotto naturale dalle mille proprietà, tra cui lo straordinario effetto sgrassante che ha anche sulla cute. Potete usarlo per combattere la forfora soprattutto se avete una cute grasse che presenta il classico aspetto unto. Per comodità potete strofinare direttamente mezzo limone sulla cute oppure, se preferite, fare degli impacchi con il succo di limone e poi procedere con il lavaggio.

Sale di Epsom

Meglio conosciuto come “sale amaro”, il Sale di Epson è spesso indicato come un valido rimedio contro la forfora. Ha proprietà esfolianti e aiuta a rigenerare il cuoio capelluto rimuovendo le cellule morte, forfora compreso. Per utilizzarlo al meglio basta un impacco lasciato riposare per qualche minuto e un veloce risciacquo.

Olio di Tea Tree

Altro utile rimedio contro la forfora è l’olio di tea tree, dalle proprietà anti-settiche e disinfettanti. È perfetto se avete una cute grassa perché in grado di smuovere i follicoli pieni di sebo. Per fare un buon impacco bastano una decina di gocce, aggiunte a un altro olio a vostro piacimento, come l’olio di cocco e l’olio di jojoba.

Olio di Neem

Forse non tutti conoscono questo particolare olio, perfetto contro la forfora e per altri disturbi del cuoio capelluto, come la caduta dei capelli o la cute particolarmente grassa. Si estrae dai semi dell’omonima pianta in India ed è considerato un vero toccasana dalle donne indiane che lo utilizzano anche per rinvigorire la chioma e farla risplendere. Per utilizzare quest’olio contro la forfora basta preparare un impacco con qualche gocci diluita a sua volta in un altro olio, come l’olio di mandorle o l’olio di jojoba.

Succo di rapa

La rapa bianca, anche se non si direbbe, è un valido alleato contro la forfora. In genere si usa la varietà bianca perché quella rossa macchia più facilmente indumenti e asciugamani, ma il risultato è identico. Per usare la rapa contro la forfora basta tagliarla a pezzi, farla bollire e realizzare un succo da filtrare. L’impacco va poi passato sul cuoio capelluto e lasciato a riposo, con i capelli coperti da una cuffia, anche tutta la notte.

Yogurt

Anche lo yogurt, fresco e naturale, può essere utilizzato per combattere la forfora e si può usare come impacco da applicare direttamente sue capelli. Fate seccare direttamente sulla pelle e poi procedete normalmente con il lavaggio usando lo shampoo.

Semi di fieno greco

Il fieno greco è una pianta, conosciuta sin dai tempi degli antichi egizi, i cui semi sono ricchi di proprietà, utili anche per combattere la forfora. Ne bastano due cucchiai, lasciati a bagno per qualche ora nell’acqua, per realizzare un impacco da tenere sui capelli almeno un paio d’ore prima di procedere con il consueto lavaggio.

Aceto

L’ultimo rimedio, e forse anche il più classico, è l’aceto, conosciuto da tutti per la sua proprietà sgrassante e purificante. In questo caso l’aceto può facilmente essere applicato al cuoio capelluto dopo lo shampoo e mai prima. Questo passaggio è importante perché è fondamentale che il cuoio capelluto assorba tutto l’aceto. Forse l’odore non sarà il massimo, ma oltre la forfora vi ritroverete anche una bella chioma lucente.

Add Comment

Required fields are marked *. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.