Le cure post parto cesareo

Consigli e cure per tornare in forma dopo il parto cesareo

Consigli e cure per tornare in forma dopo il parto cesareoIl taglio cesareo è un intervento chirurgico ed è quindi normale che dopo il parto lamentiate disturbi e dolori, non solo per i morsi uterini ma anche a causa dell’incisione. Sperimenterete anche delle perdite vaginali e, se il cesareo è avvenuto a travaglio inoltrato, gonfiori al perineo. Le cure dopo un cesareo sono leggermente diverse da quelle che seguono il parto naturale. Ad esempio, vi suggeriranno iniezioni, calze elastiche e un po’ di movimento leggero per ridurre il rischio di embolia. Quando potrete essere spostate, vi porteranno in reparto e vi incoraggeranno ad alzarvi più tardi, e dovrete essere assistite. Un po’ di movimento vi aiuterà a sentirvi meglio e a recuperare prima.

  • Combattere i dolori

Dopo l’operazione, vi somministreranno dei medicinali nello stesso giorno e nei successivi. A seconda del protocollo seguito dall’ospedale, la terapia potrà essere continuativa, per via endovenosa, e controllata dal paziente (PCA). In questo caso, non dovete farvi scrupoli ad assumere gli analgesici, che a breve termine non hanno effetti significativi sul bambino durante l’allattamento e vi aiutano ad alzarvi prima e accelerano la convalescenza. Inoltre, un’analgesia insufficiente e il protrarsi dei dolori possono interferire con l’allattamento. Se avete subito l’epidurale o la spinale, a volte viene somministrata morfina attraverso la cannula epidurale nelle prime 24 ore dopo il parto. Un’altra opzione sono le iniezioni di narcotici. Dopo il primo giorno, si passa ai farmaci per via orale o alle supposte, con efficacia di 12-18 ore.

  • Mangiare e bere

Per le prime 24 ore, i liquidi vengono somministrati per via endovenosa. Nello stesso giorno dell’operazione, potrebbero concedervi un pasto liquido, e integrare gradualmente alimenti solidi a seconda delle vostre condizioni e del giudizio del medico.

  • Andare in bagno

II catetere vi sarà tolto entro 24 ore. A partire dal secondo o terzo giorno dopo il cesareo, potreste lamentare l’accumulo di aria nella pancia,,perché ci vuole un po’ di tempo prima che l’intestino recuperi la regolarità delle funzioni. Dondolatevi lentamente quando siete sedute, camminate tanto e cambiate spesso posizione per far lavorare velocemente l’intestino.

  • Medicare la ferita

I dolori della ferita si attutiscono con l’uso di un cuscino o di una panciera. Quando camminate, state il più possibile erette e fatevi accompagnare da qualcuno, in caso di vertigini. Sentirete meno dolori se sostenete l’addome con le mani. Il bendaggio sarà rimosso dopo 24 ore e i punti o le graffette di sutura prima di essere dimesse o nello studio del medico dopo 4-7 giorni.

Finché starete in ospedale, le infermiere puliranno e asciugheranno delicatamente la ferita e l’incisione guarirà in una settimana circa. L’incisione esterna va controllata ogni giorno per verificare che si rimargini bene. L’incisione esterna guarirà in una settimana circa e va controllata ogni giorno, per verificare che si rimargini bene. Se la parte appare infiammata o spurga del pus, consultate il medico.

Una volta rimosso il bendaggio, potete lavare la zona con un sapone neutro, sciacquare e tamponare. Per alcuni mesi è possibile che la zona intorno alla cicatrice sia meno sensibile. Recupererete però la sensibilità e la cicatrice sarà meno evidente a mano a mano che i muscoli addominali recuperano il tono. Non è infrequente che si avverta una sensazione di prurito sulla ferita causata dalla rigenerazione dei nervi nella zona. In genere l’incisione uterina guarisce in circa due mesi, mentre la cicatrice esterna potrebbe impiegarci anche un anno e vi sarà raccomandato di non prendere il sole per almeno sei mesi.

  • Allattamento

Dovreste iniziare subito cercando la posizione più comoda. Sistematevi sul letto o su una sedia comoda con un cuscino dietro la schiena e un altro sull’incisione. Mettete il bambino in posizione da “pallone di rugby” sostenendo la testa con una mano, oppure mettetelo sdraiato di fianco sul cuscino in modo che la sua bocca sia all’altezza del vostro seno. Usate tanti cuscini per appoggiarvi, esistono anche dei cuscini appositi per facilitare l’operazione.

  • Sedersi

Procedete con calma e riposate ad ogni posizione intermedia. Giratevi lentamente sul fianco e raccogliete le gambe. Usate le mani per sollevarvi in posizione seduta; all’inizio sarà doloroso, quindi spingete con le braccia per trovare la stabilità. Spostate le anche all’indietro e portate le braccia in avanti appoggiandovi alle mani.

  • Scendere dal letto

Una volta sedute spostate le gambe verso il bordo del letto e appoggiate i piedi sul pavimento. Spingetevi in avanti e  portate il peso sui piedi. All’inizio rimanete piegate in avanti. Premete un cuscino sull’incisione per sostenere la cicatrice e cercate di raddrizzarvi. Quando vi sentite stabili provate a fare qualche passo tenendo la testa sollevata e respirando con la bocca.

  • Tornare a casa

Dopo il cesareo, la degenza è in genere di 3-4 giorni, dipende anche dall’aiuto che avete a disposizione a casa. Una volta a casa evitate di sollevare pesi e di tornare al lavoro prima della visita di controllo, fra le 4 e le 6 settimane dopo il parto. Dovreste anche evitare di guidare finché non riuscirete a muovervi senza accusare dolori e non sarete in grado di gestire un’eventuale frenata di emergenza. Fatevi aiutare nei lavori di casa, in cucina e, se ne avete, nell’accudire altri figli.

  • Recuperare le forze

A casa dovrete pensare solo a riposare e a eseguire alcuni semplici esercizi per rinforzare i muscoli addominali che potete fare sul letto. I migliori da ripetere più volte al giorno sono i piegamenti pelvici. Contraete gli addominali e spingete la parte bassa della schiena sul materasso. Ripetete 4 o 8 volte mantenendo la contrazione per due secondi. Un altro esercizio efficace per rinforzare gli addominali consiste nel rimanere sdraiate sulla schiena con le ginocchia piegate spingendo le caviglie sul materasso 4 volte per piede. Riposate fra un esercizio e l’altro. Un altro esercizio leggero che vi permetterà di recuperare le forze per accudire il bambino consiste nel sollevare le anche dal letto, rimanere in posizione qualche secondo, poi tornare a sdraiarsi ripetendo 5 volte.

Add Comment

Required fields are marked *. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.