Come organizzare le pareti attrezzate

Come organizzare la parete attrezzata

Come organizzare la parete attrezzataLe popolari pareti attrezzate sono mobili formati da un insieme di ripiani e di mensole, oppure si trovano in un’unica soluzione, o formate da elementi componibili tra loro o già uniti, che possono contenere libri, cd, dvd e riviste in maniera più ordinata.

Le forme delle pareti attrezzate

Le forme che possono venir fuori dalla combinazione degli elementi di una prete attrezzata sono varie: può essere costituita da una base orizzontale e da due colonne laterali, oppure possono avere una base orizzontale in basse e una in alto, o ancora possono presentare delle colonne verticali al lati e nel mezzo dei ripiani posti ad altezze diverse, oppure può essere formata da mensole e montanti verticali in metallo o ancora tutte queste opzioni possono combinarsi insieme in un’unica soluzione. Come accennato, le pareti possono essere a giorno o chiuse da ante. Nel primo caso meglio optare per una soluzione formata da ripiani e mensole, mentre se si decide per una soluzione chiusa, allora si può scegliere tra ante fisse, ante scorrevoli che lascino chiusa una parte e a vista l’altra, ante in vetro che rendano visibile il contenuto, o da cassetti. Inutile specificare che anche in questo caso le diverse opzioni possono essere combinate tutte in un’unica parete.

Illuminazione delle pareti attrezzate

Le pareti attrezzate possono essere dotate di una propria illuminazione, che può essere sistemata in modo da conferire loro un aspetto più particolare. Gli elementi protagonisti di eventuali punti luce di solito sono i ripiani o le mensole e le ante di vetro. Se la parete risulta esserne già dotata di per sé, è bene verificare che l’impianto di illuminazione rispetti la norma CEI EN 60598-1, inoltre deve risultare un impianto cablato e dotato del marchio Imq. Se poi si vogliono illuminare le ante a vetri dall’interno, si può ricorrere all’uso di faretti da inserire nei ripiani interni. Questi poi andrebbero allacciati alla corrente tramite dei buchi operati sulla parete di fondo del mobile.

Per nascondere gli antiestetici fili e cavi degli impianti audio e video presenti nella parete attrezzata, come quelli del pc, del decoder o del televisore, esistono diverse soluzioni. Una di queste può essere rappresentata dalla boiserie, ovvero il rivestimento in legno, che può costituire una valida alternativa per fissare i mobili della parete senza per forza rovinare il muro. Esistono due tipi di boiserie, quella che copre l’intera parete e sostiene tutti i vari elementi della composizione, e quella invece della grandezza di un pannello in cui vengono inseriti in seguito i vari elementi.

Altre opzioni possibili per celare all’occhio i fastidiosi cavi, al di là dell’impiego della boiserie, possono essere rappresentate dalle barre elettrificate che vanno attaccate dietro il mobile o anche alla base del vano del televisore. In alternativa si potrebbe anche praticare un foro dietro al mobile per far passare tutti i cavi necessari al funzionamento dei vari impianti audio e video. Questi fori di solito possono essere chiusi da pratici copriforo in plastica, che convoglino verso le prese tutti i diversi fili elettrici.

Add Comment

Required fields are marked *. Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.